venerdì 16 settembre 2011

Ma che notiziona!

Una nuova mail nella mia casella di posta.
Oggetto: Ma che notiziona!
Mittente, un'amica pazza, mamma sciagurata e moglie pessima di un uomo a dir poco straordinario (biondo, occhi azzurri, intelligente e dotato di sovrumana pazienza).
Testo della mail:

Tati che meraviglia! Ovviamente la "soffiata" l'ho avuta dalla donna meno pettegola del mondo e più scrupolosa dell'universo, insomma quella che a San Valentino chiama le ex del fratello e per empatia si mette a bere birra così il giorno deve essere recuperata a lavoro in stato comatoso da mio marito (... d'altronde l'ho dico sempre: ci sarà pure un motivo per cui l'ho sposato! beh ... a fronte di innumerevoli motivi per cui era meglio stargli alla larga).
Mi sembra di capire che le cose stiano andando bene, ma non sono riuscita a capire quando è previsto il "lieto evento" (termine sicuramente  coniato da un esponente del sesso maschile) ... secondo la Fra sei molto avanti, ma come ben sai secondo lei noi due siamo sempre molto avanti in tutto: una telefonata con la Fra equivale a 1 anno di corso di autostima!
Esprimi la mia solidarietà all'UP, so cosa vuol dire vivere in un contesto 3 contro 1!
Un bacione a tutti da tutti!
Silvia etc..
.

Ho deciso di risponderti cara Silvia via post, perché se leggessi il mio blog sapresti che sono alle 28 settimana e colgo anche l'occasione per dire qualche parolina alla cara Fra (mia testimone di nozze) che non riesco a contattare perché non ha ancora capito che dove abito il cellulare non prende e che possiamo quindi sentirci solo la sera quando lei è a casa e per far sapere a tutti che la dote principale delle mie amiche è la pazzia (ho detto dote!!!)
Ma scrivo soprattutto questo post per dire a tutte le mie amiche lontane e vicine che la vita coniugale e mammesca mi ha reso veramente latitante nei loro confronti e di questo la prima a soffrirne sono io. Vi chiederete ma dov'è finita la vecchia Tati cellulare sempre alla mano, con cambio vestiti in macchina perché non si sa mai, sempre pronta a prendere auto, aereo, traghetto o sommergibile per raggiungere le proprie amiche?
Risposta? Non lo so, sto invecchiando, forse, chi lo sa...
Consiglio a tutte però di leggere il libro che segue perché in fondo in fondo chi mi conosce sa che dentro di me c'è un po' di Allan...

Consiglio di lettura Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve di Jonas Jonasson